Ignora collegamentiHome > Bari > Abstract Relatori > Rava
  INFO | ENG
 
| HOME | CALENDARIO | ARGOMENTI | RELATORI | F10 VIRTUALE | RASSEGNA STAMPA | RASSEGNA VIDEO
LE FACCIATE CALDE
Bari  22/05/2008
LE FACCIATE CALDE
Cagliari  08/10/2008
LE FACCIATE CALDE
Catania  19/05/2009
LE FACCIATE CALDE
Giulianova Lido  17/06/2009
Abstract PAOLO RAVA
"...tra le responsabilità etiche, l’architettura deve ricercare un linguaggio che sappia esprimere i caratteri del rispetto ecologico e dell’uso dell’energia rinnovabile, senza rinunciare ai valori estetici ed economici..."
Nella seconda parte del Forum è stata sviluppata anche la seconda relazione, focalizzata specificamente su aspetti più propriamente tecnici relativi ai temi di grande attualità del risparmio energetico. La parola è andata all’arch. Paolo Rava, docente della Facoltà di Architettura dell’Università di Ferrara, che ha illustrato a i convegnisti una serie di importanti considerazioni per un’efficienza energetica dell’involucro. "Abitare e sostenibilità - ha esordito Rava- rappresenta un dibattito che coinvolge sia il pensiero progettuale e tecnico, sia quello della cultura del linguaggio architettonico, ora chiamato sostenibile. Tra le responsabilità etiche, l’architettura deve, e oggi diventa imperativo , ricercare un linguaggio che sappia esprimere i caratteri del rispetto ecologico e dell’uso dell’energia rinnovabile, compatibile con il percorso della natura, senza rinunciare ai valori estetici ed economici...". "E’ opportuno - ha aggiunto - analizzare gli elementi che ne costituiscono l’essenza: l’energia, l’aria, l’acqua, la trasformazione, il caldo, il secco, l’umido, la materia. Possiamo dire che l’ambiente esterno ha influenzato direttamente le azioni progettuali dei tipi edilizi, le quali si sono evolute perfezionando le soluzioni tecniche coerenti ai problemi ambientali per scoprire nuove strategie per utilizzare (non sfruttare) più vantaggiosamente i sistemi energetici naturali: oggi, per noi progettisti torniamo ,nella pratica progettuale cosiddetta sostenibile, ad utilizzare regole dove il "rapporto di efficienza" ridiventa fondamentale... Nello sviluppo del progetto di architettura con approccio sostenibile, l’involucro, assieme alla forma e alla scelta del materiali che lo costituiscono , diventa l’ elemento fondamentale per la costruzione del manufatto di protezione della vita...". "...Vediamo un esempio: l’utilità dello spazio inutile. Pensiamo a quanto possa servire un portico nel sistema microclimatico dell’ edificio e per il comfort degli ambienti confinati adiacenti. L’architettura definisce l’utilità altra del portico, tanto quanto quella del patio e della loggia, tutti elementi spaziali ora dimenticati o estromessi dal dialogo architettonico per problemi economici e di rendimento. E, ancora: materiali, architettura, luogo. Lo studio della materia e della sua energia guarda alla tradizione e ricerca nuovi valori spaziali. Lo studio della complessità della natura ci aiuta alla comprensione dell’abitudine al ragionamento a tutto tondo, ed elimina la semplificazione, che è nemica della sostenibilità in favore della complessità...".