Ignora collegamentiHome > Calendario > Napoli > Abstract Relatori > Brescia
  INFO | ENG
 
| HOME | CALENDARIO | ARGOMENTI | RELATORI | F10 VIRTUALE | RASSEGNA STAMPA | RASSEGNA VIDEO
PENSIERO A COLORI
Napoli  16/04/2008
PENSIERO A COLORI
Bari  22/05/2008
PENSIERO A COLORI
Cagliari  08/10/2008
PENSIERO A COLORI
Catania  19/05/2009
PENSIERO A COLORI
Giulianova Lido  17/06/2009
Abstract PAOLO BRESCIA
"...l'importanza dell'utilizzo del colore non sta solo nel godimento estetico, serve ad individuare velocemente e da lontano la qualità degli oggetti..."
Ha quindi preso la parola l’arch. Paolo Brescia, colour designer e presidente di Cromoambiente, che ha sviluppato il proprio intervento nell’ambito del tema "Pensiero a Colori: nutrimento per la mente", soffermandosi in particolare su fisiologia e psicologia del colore, attraverso l’illustrazione di un modello teorico-pratico relativo all’uso finalizzato dell’energia Luce-Colore, che si fonda su alcuni modelli di spiegazione (teoria), relativi all’influenza dei colori sugli esseri viventi (esseri umani, animali e vegetali); tali strutture cercano, in sostanza, di integrare contributi disciplinari che utilizzano angolazioni, campi di osservazione e paradigmi diversi per analizzare i complessi fenomeni delle influenze dei segnali e delle simbologie Luce-Colore. Il modello proposto da Brescia ha sviluppato concrete applicazioni (la parte pratica) in diversi ambiti, attraverso un lavoro di ricerca, in particolare nella bioedilizia, nel design, nella comunicazione, in psicopedagogia, nella formazione degli adulti e nella terapia. "Il colore scelto e tramandato come esperienza, fatto culturale – ha dichiarato il presidente di Cromambiente - non è mai momento puramente estetico, ma, addirittura pratico, determinato cioè da esigenze particolari e contingenti. L'importanza dell'utilizzo del colore non sta solo nel godimento estetico, serve ad individuare velocemente e da lontano la qualità degli oggetti. Il colore, ancora, segnala il mutamento delle cose. Lo stato d'animo di una persona che ci sta di fronte lo avvertiamo dal mutamento cromatico della sua faccia. Il colore ci aiuta ad orientarci sia in natura che in uno spazio costruito. Senza colori, come nella maggior parte degli edifici pubblici (ospedali, fabbriche, e così via), è difficile orientarsi: tendiamo a considerarli grigi anche se non lo sono. Il colore è luce, il non colore è ombra. Senza la luce niente fa colore. Il colore di un oggetto è il colore della luce che esso riflette". "Il colore è energia – ha poi proseguito Brescia – tanto che 6000 anni fa gli Egizi curavano con il colore e la tecnica usata allora non era molto diversa da quella usata nei moderni centri di cromoterapia o da quella degli sciamani dell'Amazzonia. E poi, in natura il colore è orientamento, l'assenza di colore disorienta, così come l'uso anarchico dello stesso; il colore nel nostro habitat ricopre un ruolo essenziale nel tenere in efficienza l'attività celebrale e mantenere attiva la dialettica tra ratio ed emozione, tra sentimento ed intelletto. Se questi momenti vengono vissuti all'unisono, si otterrà l'esperienza dell'armonia-bellezza fondamentale per il cromo-ambiente".