Ignora collegamentiHome > Bari > Abstract Relatori > Brescia
  INFO | ENG
 
| HOME | CALENDARIO | ARGOMENTI | RELATORI | F10 VIRTUALE | RASSEGNA STAMPA | RASSEGNA VIDEO
PENSIERO A COLORI
Napoli  16/04/2008
PENSIERO A COLORI
Bari  22/05/2008
PENSIERO A COLORI
Cagliari  08/10/2008
PENSIERO A COLORI
Catania  19/05/2009
PENSIERO A COLORI
Giulianova Lido  17/06/2009
Abstract PAOLO BRESCIA
"...il colore segnala il mutamento delle cose, aiuta a orientarci sia in natura che in uno spazio costruito..."
L’architetto Paolo Brescia, colour designer di origine pugliese e presidente di Cromoambiente, durante il suo intervento si è soffermato in particolare su fisiologia e psicologia del colore, attraverso l’illustrazione di un modello teorico-pratico relativo all’uso finalizzato dell’energia Luce-Colore. "L'importanza dell'utilizzo del colore - ha dichiarato Brescia - non sta solo nel godimento estetico, serve piuttosto ad individuare velocemente e da lontano la qualità degli oggetti. Il colore segnala il mutamento delle cose, aiuta a orientarci sia in natura che in uno spazio costruito. Il colore è luce, è energia". "La combinazione luce-colore è strutturale - ha detto ancora il relatore - e la stretta dipendenza del colore dalla luce è splendidamente esplicato in un aneddoto riportato da J. Itten: un industriale invitò a cena un gruppo di amici ed amiche. Gli ospiti furono accolti da gradevolissimi odori di cucina, che facevano pregustare un pasto da buongustai. Ma quando i commensali si riunirono intorno alla tavola imbandita di raffinatissimi cibi, si accese una luce rossa e... la carne si colorò di un bel rosso apparendo freschissima, ma gli spinaci apparvero neri, le patate di un rosso brillante, vi fu stupore generale ma subito la luce rossa si spense e si accese una blu, e... l'arrosto sembrò stantio, le patate marce, ma subito si accese una gialla, e... il vino rosso prese l'aspetto di un olio scuro e i commensali divennero giallastri come cadaveri, alcune signore particolarmente sensibili si alzarono e lasciarono precipitosamente la sala da pranzo. Nessuno fu capace di mangiare benché tutti capissero che le strane sensazioni erano soltanto provocate dalle luci colorate. L'anfitrione ridendo accese le luci bianche spegnendo le colorate e quasi immediatamente tornò l'appetito e il buonumore. La combinazione luce-colore è strutturale, tanto che al variare dell'una varia anche l'altro e viceversa".